www.youthoftheworld.eu

Possiamo pensare localmente e agire globalmente? Possiamo parlare di questioni globalmente e riferirci a temi locali? Questa è la domanda e l’obiettivo principale del progetto: Youth of the World: il potere di trasformazione dell’educazione globale, che è stato affrontato nelle varie fasi di svolgimento del progetto: meeting, ricerca, training, scambio di buone prassi, toolkit e infine il futuro Blended Mobility, uno scambio misto tra virtuale e fisico.

Una delle fasi cruciali è stato il training in Sofia, Bulgaria alcuni mesi fa.

L’educazione globale non si riferisce soltanto alla conoscenza di temi chiave come i diritti umani o il futuro sostenibile, ma anche a un atteggiamento personale che si sviluppa giorno dopo giorno, diventando costantemente consapevoli di ciò che accade intorno a noi e di quanto impatto le nostre azioni hanno su ciò che ci circonda.

La formazione a Sofia, in Bulgaria, che ha coinvolto lo staff delle associazioni partner del progetto “Youth of the World: Transformative Power of Global Education” con la presenza di 6 paesi Cipro, Italia, Bulgaria, Portogallo, Irlanda e Grecia, con 24 operatori giovanili, educatori e staff delle associazioni partner e di altre organizzazioni educative provenienti da questi paesi.

Lo scopo del progetto è quello di diffondere l’educazione globale ai membri delle varie organizzazioni coinvolte nel progetto e ai loro stakeholder locali, oltre a sperimentare il toolkit realizzato nella prima fase del progetto “Youth of the World”.

La prima fase della formazione ha visto i partecipanti approfondire il tema della definizione di educazione globale nel settore giovanile e alcune tecniche specifiche per lo svolgimento di attività che esplorano il concetto di interdipendenza tra i fenomeni, uno dei pilastri dell’educazione globale. Un altro aspetto importante affrontato sono gli step necessari per organizzare un’attività con i giovani e per i giovani, oltre a quelli già forniti dal progetto, in modo da rendere i partecipanti in grado di adattare il materiale proposto alle esigenze dei propri beneficiari.

Durante la seconda fase di formazione, gli operatori giovanili dei paesi partner del progetto hanno partecipato ad attività il cui l’obiettivo principale era quello di promuovere e provare una versione preliminare del toolkit che è uno dei principali risultati dell’intero progetto.

YoW è un progetto incentrato su metodi inclusivi di educazione non formale per potenziare le competenze degli animatori giovanili e di coloro che lavorano con giovani provenienti da diversi contesti socio-culturali.

Questa fase è stata importante, ed ha permesso ai partner di raccogliere tutti gli elementi utili per rendere più efficace il kit di strumenti del progetto, ad esempio:

– soluzioni grafiche più accattivanti;

– più elementi visivi;

– segnalare possibili alternative;

– inserire suggerimenti o dettagli metodologici.

L’obiettivo del progetto è condividere le migliori pratiche dell’uso del concetto di Global Education & Global Perspectives coinvolgendo i giovani, le organizzazioni giovanili e altre parti interessate al fine di diffondere la consapevolezza sull’argomento e stimolare la creazione di nuove strategie di educazione globale nei paesi partner del progetto e in Europa in generale. A breve inizierà la mobilità per la formazione nel mese di novembre.

Alcune foto del potere di trasformazione di Global Education da evidenziare durante la nostra straordinaria formazione del personale a Sofia, in Bulgaria!

E ‘stata una giornata davvero creativa e informativa! Vai all’educazione globale !!

Dove potete trovare alcune info, foto e video

https://www.youtube.com/watch?v=THzgARM8IUk&feature=share

https://www.facebook.com/icdetv/videos/2134113973282974/?hc_ref=ARSNnMOddYlH8HgEKA0g3Vk5eB1G2SEMZwg022AP1iJTGwW8BeJ7f515D4xVFQPK_n0&fref=gs&dti=214819352436530&hc_location=group

https://www.facebook.com/icdetv/videos/t.868085367/1040727496088203/?type=2&video_source=user_video_tab